Google Mobile-First Indexing
Che cos’è esattamente il Mobile-First Indexing?
Come essere indicizzati correttamente da Google: tre precisazioni necessarie per fare chiarezza.
Google Mobile-First Indexing

Come essere indicizzati correttamente da Google: tre precisazioni necessarie per fare chiarezza.

Andiamo subito al sodo, “mobile-first indexing” è la priorità di indicizzazione data alle versioni per mobile di nuove pagine web o di pagine aggiornate, rilevate dal crawler di Google (chiamato Spider). Il motivo è proprio quello che ci si aspetterebbe: oggi la maggior parte del traffico web proviene dal mobile, ed è un dato in costante aumento.
Per questo Google sta cercando di ottimizzare l’esperienza di navigazione avendo questa priorità in mente.

Ma, ovviamente, c’è molto di più di quello che si vede, e ci sono diversi luoghi comuni intorno all’indicizzazione mobile. Quindi aggiungiamo tre precisazioni per fare chiarezza una volta per tutte:

  1. Questo non significa che il vostro sito NON abbia bisogno di una versione mobile o che non sarà indicizzato da Google. Google cercherà una versione mobile, sì. Ma se il vostro sito web ha solo una versione desktop, allora il crawler analizzerà ciò che può ottenere. Il vostro sito potrebbe non funzionare bene sul cellulare come quelli ottimizzati per il mobile, ma questo non significa che Google vi penalizzi per questo, tanto meno che lo Spider salti completamente i vostri contenuti.

    Ma, allo stesso tempo
  2. Questo non significa che Google si “preoccupi” specificamente della versione desktop del vostro sito. Recentemente, i web analyst di Google come John Mueller hanno chiarito più esplicitamente che, ormai, il termine dovrebbe essere “mobile-only indexing“, cioè “indicizzazione solo mobile”. La definizione “mobile first-indexing” era più precisa e appropriata quando Google ha iniziato a farla nel 2016, ma da allora sono passati quasi cinque anni. (Mueller e i suoi usano “indicizzazione mobile” da un paio d’anni).
  3. La gente suppone – comprensibilmente, ma in modo errato – che “mobile first-indexing” significhi che Google analizzi anche la versione desktop, in seguito. In realtà, Google Spider eseguirà una seconda e separata scansione della versione desktop solo se qualcosa sembra sospetta o spam.

Tutto questo ha ancora più senso (e fa sembrare lo Spider di Google anche meno “pigro”) quando ci si ricorda ciò che Google ha consigliato per tutto questo tempo:

il contenuto del vostro sito dovrebbe essere sempre “sincronizzato” sia nella versione mobile che in quella desktop. In altre parole: i link, la navigazione e (naturalmente) il contenuto effettivo dovrebbero sempre essere sincronizzati tra la versione mobile e quella desktop.


Google ha giustamente ritenuto che non esista una buona ragione per cui questi elementi fondamentali possano variare da una versione all’altra del sito, quindi avere contenuti diversi nella versione mobile e in quella desktop è un modo sicuro per confondere Google (e se lo stai facendo, questo potrebbe spiegare alcuni problemi di indicizzazione).

Richiedi una consulenza
Autore
Stefania Pollastri
Customer Journey Specialist

Tutti gli articoli